Home  
  
  
    Troppo stress uccide il sesso
Cerca

Kamasutra
  • Tutte le posizioni
Disturbi sessuali femminili
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Troppo stress uccide il sesso

Lo stress quotidiano nelle donne dai 30 ai 45 anni può portare facilmente a stati depressivi. Il primo segno è la diminuzione del desiderio sessuale. Fortunatamente, per evitare che la vita sessuale risenta di un ritmo di vita troppo pesante esistono piccoli trucchi.

Troppo stress uccide il sesso
© Getty Images

Sofia corre tutto il giorno, tra i figli, il lavoro, la spesa, le risulta difficile trasformarsi in amante vogliosa la notte. Niente di grave, è solo stanca e, una volta che tutto è in ordine, non ha più le energie per abbandonarsi al desiderio.

Metro, lavoro… e la libido va a nanna

Questa situazione è comune a tante donne. "A chi non è mai capitato?" domanda la sessuologa Marie-Hélène Colson. "Molte si rivolgono a me per questo motivo. In genere si tratta di donne dai 30 ai 45 anni, attive, che abitano in grandi città, con due bambini piccoli e una casa da gestire. In genere, non capiscono da cosa derivi la mancanza di "appetito" sessuale e ammettono di riuscire a godere solo una volta su tre".
La fatica e una depressione latente di fronte a numerosi obblighi portano a una perdita del desiderio o a grosse difficoltà per raggiungere l’orgasmo.
Quanto allo stress, ognuno di noi è capace di adattarsi a uno o al massimo due avvenimenti emotivamente forti: un matrimonio, un lutto… Ma se nell’arco di qualche mese si accumulano, diventa impossibile gestirli. Lo stress si trasforma in un tunnel di depressione. Tuttavia, "lo stato di stress o di depressione all’origine della diminuzione del desiderio sesuale non è quasi masi percepito dalle donne. Non pensano che ci sia un legame diretto tra il loro stile di vita frenetico e le difficoltà sessuali", sottolinea la specialista.

Trucchi anti-stress

Se la situazione non è troppo grave, uscirne attraverso qualche piccolo trucco è ancora possibile.
Come prima cosa, bisogna prendere coscienza del fatto che non esistono super-donne e che non è sempre possibile essere impeccabili in ogni campo. Questo permette di prendere due piccioni con una fava: la donna diventa più tollerante con se stessa, s’impone meno aspettative, e inoltre si prende del tempo per andare meno di fretta, essere meno stressata e stanca. In pratica, bisogna sacrificare un aspetto della vita pratica del quale, per un periodo, ce ne si occuperà meno. Per alcune, si potrebbe trattare di dedicare meno tempo alla cura della casa, per altre dividere certi compiti con il proprio partner.
Un altro espediente, nel caso di perdita del piacere, è quello di riconcentrarsi sulla coppia. "La donna ha bisogno di passare del tempo con il proprio compagno, prima di avere un rapporto sessuale. Affidare i bambini a qualcuno e partire con lui per un week-end è un ottimo inizio", suggerisce il Dottor Colson. E’ difficile passare all’atto se il marito abbandona il telecomando solo per buttarsi a letto.

Troppi antidepressivi diminuiscono il piacere

Quando la depressione è importante, i trucchi non sono più efficaci e il più delle volte bisogna ricorrere a medicinali antidepressivi. Queste sostanze hanno molti effetti negativi sulla libido: impediscono l’accesso al piacere e riducono la lubrificazione. Ci sono donne in cui entrambi gli effetti collaterali si presentano.
In breve, se il desiderio sessuale diminuisce con la depressione, viene ancor più aggravato dal trattamento per combatterla. "E’ importante stabilire delle priorità", avverte lo specialista. "Quando la persona avrà ritrovato l’impulso vitale, a quel punto si potrà lavorare per aiutarla a ritrovare la sua sessualità".
Il primo segno di ogni depressione, sia nella donna che nell’uomo, è una diminuzione della libido. Riflettici!


Marie-Gaëlle Le Perff

Commenta
09/07/2010

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ti tradisce?

Test coppia

Ti tradisce?