Home  
  
  
    Provare dolore durante l'erezione
Cerca

Kamasutra
  • Tutte le posizioni
Disturbi sessuali maschili
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Provare dolore durante l'erezione

La sessualità maschile è talvolta costellata di ostacoli. L'erezione può essere accompagnata da dolori durante i rapporti sessuali, che possono essere acuti e regolari, o addirittura cronici. Ma quali sono le cause di questi problemi? Facciamo il punto con il Prof. Stéphane Droupy, urologo.

Provare dolore durante l'erezione
© Getty Images

I dolori acuti durante l'erezione

Se per molti uomini l'iniziazione alla vita sessuale è circondata da un alone di mistero e di piacere, per altri questo viaggio avventuroso ha inizio con la scoperta di un'anomalia, che può rivelarsi fastidiosa: la brevità del frenulo. "Dopo che il glande è stato scoperto, se il frenulo è troppo breve, esiste il rischio di rottura", spiega il Prof. Stéphane Droupy. Tra i segni premonitori: la sensazione che "tiri un po'". Al momento dell'incidente, ovvero alla rottura, si avverte un leggero dolore, spesso all'improvviso. Questa situazione può manifestarsi con un sanguinamento abbondante.

Il trattamento: è consigliabile sottoporsi a intervento chirurgico, che prevede l'allungamento del frenulo del prepuzio.

  • LA FRATTURA DEL CORPO CAVERNOSO

Questo incidente può sopraggiungere quando si commette un passo falso. "Alcune posizioni sessuali possono causare un mancato raggiungimento dell'orgasmo durante le spinte", spiega il professore. In occasione di diversi consulti medici, il professionista ha constatato che la posizione alla pecorina (in cui la donna è quattro zampe) e quella dell'amazzone (o di andromaca, in cui la donna sta sopra) ne sono la causa principale. Questa frattura sarebbe quindi la conseguenza di un eccesso di entusiasmo…

Il pene va in erezione, si piega e... "si rompe". L'uomo avverte un "crac": è il rumore della membrana che si rompe. Esternamente è visibile un ematoma, una sorta di gonfiore sul pene.

Il trattamento: questo problema richiede l'intervento chirurgico.

I dolori cronici

  • LE FIMOSI

In alcuni casi, accade che il prepuzio, la pelle arrotolata sul collo del pene responsabile della protezione del glande, sia troppo stretto. Fimosi in greco significa "anello stretto". Risultato: è difficile scoprire il pene e i rapporti sessuali sono spesso dolorosi. "Più precisamente, il dolore è localizzato a livello della pelle, del prepuzio", aggiunge il professor Droupy. Con l'andare del tempo, questa situazione può provocare piccole lesioni cutanee che possono determinare la formazione di un lichen, una dermatosi. Al contrario, durante un'erezione intensa, il glande può "forzare" sul prepuzio che, troppo stretto, finisce per "strangolarlo"... Si riempie quindi di sangue, senza poter assumere nuovamente la posizione di riposo al termine dell'erezione. È un incidente che comporta un dolore molto intenso…

Il trattamento: per curare le lesioni, è necessario utilizzare dei corticoidi. In seguito, questo disagio richiede una plastica chirurgica del prepuzio o una circoncisione…

  • LA MALATTIA DI LA PEYRONIE

Si tratta di una deformazione a forma di curvatura che compare in modo graduale, soprattutto verso i 50 anni, ma che può colpire anche uomini più giovani. Nonostante l'origine di questa anomalia rimanga misteriosa, è facilmente riconoscibile. "La malattia di La Peyronie è associata a una fibrosi a livello della tonaca albuginea del pene, che provoca dolori, e alla curvatura del pene durante l'erezione. Questa placca fibrotica, causata da un fenomeno infiammatorio, si fissa su una parte del corpo cavernoso, nella maggior parte dei casi sul dorso del pene", precisa l'urologo. I dolori avvertiti inizialmente cessano quando si presenta l'anomalia, con la comparsa di una curvatura verso l'alto. Anche se non crea problemi di erezione, questa curvatura è comunque fonte di stress e di dolori durante il rapporto sessuale.

Il trattamento: a volte il fenomeno si interrompe. Se curvatura si estende fino a diventare fastidiosa, è necessario ricorrere all'intervento chirurgico.

  •  LA MALATTIA DI MONDOR

Si tratta di una tromboflebite della vena dorsale superficiale del pene. Secondo il Prof. Stéphane Droupy, si tratta di: "Un fenomeno legato il più delle volte a una sovrattività sessuale". Questo tipo di problema sopraggiunge in genere all'inizio di una relazione, quando il sesso occupa un posto preminente. "È probabile che si tratti di una stasi nella vena superficiale che provoca un edema; quella che irrora le fasce di rivestimento del pene. È una patologia leggermente dolorosa proprio per l'aspetto infiammatorio, come nel caso di una flebite superficiale. Il pene appare un po' gonfio, arrossato, edematoso…".

Il trattamento: in genere, si utilizza una pomata antinfiammatoria a uso topico.

Catherine Maillard

Commenta
13/12/2012

Per saperne di più:


Newsletter

Forum Sesso

Test consigliato

Ti tradisce?

Test coppia

Ti tradisce?