Home  
  
  
    Tutta la verità sul Viagra®
Cerca

Kamasutra
  • Tutte le posizioni
Disturbi sessuali maschili
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Tutta la verità sul Viagra®

Il Viagra® è commercializzato in Italia dal novembre 1998. Dopo un inizio sotto i riflettori e gli effetti dell’annuncio dei suoi benefici o pericoli, cosa bisogna ricordare oggi?

Tutta la verità sul Viagra®
© Getty Images

Senza dubbio che, se c’è un rischio, questo è meno legato alla salute che alla valorizzazione di una certa cultura della prestazione sessuale…

Cambiamenti positivi del comportamento

Pare che questo farmaco abbia indotto un cambiamento di comportamento: prima, l'uomo che soffriva di impotenza parlava solo raramente della sua sofferenza al medico, e più in generale tendeva a nascondere questo problema. Il disturbo era fonte di vergogna ed era associato all'incapacità, alla perdita della virilità. Il termine “impotenza” porta con sè tutti questi sottintesi (attorno ad una certa equazione fra impotenza, incapacità, mancanza di virilità…); ma i medici preferiscono oggi l'espressione, meno connotata, di “disturbi di erezione”.

Per questo motivo le consultazioni sarebbero aumentate del 40% dalla commercializzazione del Viagra®, il che permette ai medici di diagnosticare e di curare i disturbi associati, come il diabete o l'ipertensione. Dunque, il Viagra® avrebbe accelerato questa evoluzione delle mentalità. Ma si nota che gli uomini consultano di preferenza il proprio medico generico (il 65% degli inizi di trattamento), in maggioranza urologi (19%), mentre i sessuologi (8%) sono meno consultati in questo caso.

Riassumendo, gli uomini sono pronti a parlare di sessualità, certo, ma non troppo…

Efficacia

Gli uomini trattati hanno, in genere, più di 50 anni. Il 42% ha almeno 61 anni, mentre il 96% dei pazienti che assumono Viagra® sono soddisfatti*.

Il Viagra® è efficace nell’82% dei pazienti alla dose di 100 mg e nel 74% alla dose di 50 mg.

Il Viagra® ha inoltre mostrato la sua efficacia in patologie particolari. Infatti, permette di migliorare la funzione erettile:

• Dell’84% negli uomini affetti da disturbi psicogenetici;

• Del 65% nei diabetici di tipo 2;

• Del 68% negli ipertesi;

• Del 75% nelle persone depresse;

• E infine dell’83% degli affetti da lesioni medullari.

Controindicazioni ma nessun pericolo

Ricordiamo che l’assunzione del Viagra® ha delle controindicazioni: la principale è l’assunzione di nitroderivati, farmaci prescritti per certi disturbi cardiaci.

Durante i primi mesi di commercializzazione, i media si sono resi l’eco delle vittime il cui decesso era stato attribuito al Viagra®. L’anno dopo, l'Agenzia del farmaco smentiva questa responsabilità: al farmaco non fu riconosciuta la responsabilità di alcuno dei 33 decessi segnalati fra l’ottobre 1998 e il settembre 1999. In 20 casi, l’assunzione del Viagra® non fu nemmeno confermata, in tre casi il periodo tra l’assunzione della compressa e il decesso era di molti giorni, in un caso si sospettavano una overdose volontaria e un’associazione con altri farmaci, in tre casi l'evoluzione di una patologia latente era più certamente la causa dei decessi, infine, negli ultimi sei casi, le condizioni di una buona utilizzazione non erano state rispettate.

Dunque, se le precauzioni d'impiego e le controindicazioni vengono rispettate, il Viagra® è inoffensivo. Gli effetti collaterali—mal di testa, dispepsie e comparsa di rossori—restano moderati.

Un rischio: il culto della prestazione sessuale

Dal giugno 1998, Bernard Kouchner, l’allora Segretario di Stato alla salute francese, aveva consultato il CCNE (Comité Consultatif National d'Ethique pour les sciences de la vie et de la santé – Comitato nazionale di consultazione etica per le scienze della vita e della salute, N.d.T.), a proposito della messa a disposizione del Viagra® in Francia. Il rapporto fu pubblicato nel 1999. In questo rapporto, il comitato etico insiste sulla particolarità del disturbo sessuale che non può essere isolato da un contesto relazionale e affettivo come tendono a mostrare le campagne pubblicitarie. Chiaramente, l’equazione “una pillola = un' erezione = una vita sessuale soddisfacente” è un po’ semplicistica…

Il rapporto mette in guardia contro la propensione che ci sarebbe con il Viagra® a rinforzare la nozione della prestazione, già fortemente presente nella nostra cultura della sessualità. La partner dell’uomo impotente non deve essere dimenticata, poiché la sessualità si vive in due. Ella deve dunque essere consultata durante l’implementazione del trattamento. In effetti, la coppia ha potuto adattarsi alla sospensione della sessualità e questo farmaco può generare uno scontro nella coppia, con l'uomo che desidera utilizzare questa erezione con la sua partner, che però magari non lo desidera!

La sessualità è una questione personale e privata. Il rovescio della medaglia dell’iper-mediatizzazione di un problema per molto tempo poco considerato sarebbe allora quello di creare una nuova norma in questo spazio molto personale. Il CCNE propone allora “una vera e propria informazione educativa sulla complessità dei disturbi della sessualità e sulle implicazioni psico-sociali” per le professioni sanitarie “per formare queste ultime all’ascolto del significato di un comportamento sessuale”. Propone inoltre l’informazione sui comportamenti sessuali a partire dalle scuole secondarie.

Certo, il rimborso del Viagra® in caso di una patologia organica nota non costituisce un problema; mentre, in assenza di patologia, la CCNE ritiene che gli oneri del trattamento non debbano ricadere sulla società.

Dott. Agnès Mocquard

* Int J Impot Res. 2002; 14(suppl3): S104 - Long term effectiveness and tolerability of Viagra (sildenafil citrate) in men with erectile dysfunction (Efficacia e tollerabilità a lungo termine del Viagra (sildenafil citrato) in uomini affetti da disfunzione erettile, N.d.T.)

Commenta
21/08/2012

Per saperne di più:


Newsletter

Forum Sesso

Test consigliato

Ti tradisce?

Test coppia

Ti tradisce?