Home  
  
  
    Fare l'amore dopo una lunga astinenza
Cerca

Kamasutra
  • Tutte le posizioni
Quando il sesso diventa un problema
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Tornare a fare l'amore dopo una lunga astinenza

Quello dell'astinenza è diventato un argomento scottante in un'epoca in cui la sessualità è fondamentale per lo sviluppo personale. Le cause di questo "tempo morto" sessuale sono svariate, con una durata che va da qualche mese a diversi anni. Quando il periodo "no sex" si è protratto a lungo, il ritorno alla vita sessuale può essere accompagnato da dubbi o persino da difficoltà sul piano fisico. Facciamo il punto con la Dr.ssa Ghislaine Paris, medico sessuologo.

Fare l'amore dopo una lunga astinenza
© Getty Images

"È da più di 4 anni che non faccio l'amore", confessa Marco, 24 anni. Un rifiuto sgarbato dopo rapporti sessuali con eiaculazione precoce gli è stato fatale. "Non ho più rapporti sessuali dalla nascita di mia figlia di tre anni", confessa Alessandra, madre single che lotta tra stanchezza, organizzazione e paura di sbagliare. Spesso l'astinenza è vissuta male: viene associata a una situazione di fallimento ed è vissuta in modo pressoché disonorevole. In alcuni casi, l'assenza di attività erotica può anche essere il segnale di una mancanza di autostima. La ripresa non è scontata…

Astinenza sessuale: cause diverse

"Statisticamente, l'astinenza fa seguito a una rottura sentimentale dolorosa o a un'esperienza sessuale sfortunata", spiega la Dr.ssa Ghislaine Paris, sessuologa. La persona può rimanere "bloccata" al ricordo di un fallimento di tipo relazionale o sessuale e privarsi della possibilità di una nuova relazione. 
Per gli uomini, i rimproveri percepiti come "offensivi" alludono spesso alle loro prestazioni sessuali e influiscono in modo negativo sulla loro virilità. 
Nel caso delle donne, in particolare è l'immagine di sé a essere chiamata in causa. Poiché la tirannia dell'apparenza è molto forte, una mancanza di fiducia in se stessa o delle osservazioni scortesi possono causare dei periodi "senza sesso" per un lasso di tempo più o meno lungo. Una malattia che mette il corpo fuori gioco o un oltraggio al corpo sessuato, come l'ablazione del seno, possono rientrare nel novero delle cause. Anche la gravidanza e la nascita di un figlio svolgono un ruolo non trascurabile nella situazione di rottura con la sessualità.

Parlarne o no?

La prima domanda da porsi è se è giusto parlarne o meno con il nuovo partner nel momento in cui il termometro della libido sale e che si fa finalmente strada la possibilità di avere di nuovo rapporti sessuali? "Consiglio di essere sinceri: è meglio comunicarlo al partner senza entrare in dettaglio e, ovviamente, senza drammatizzare", puntualizza la Dr.ssa Paris. 
Citando questo aspetto, si invita il partner a prenderlo in considerazione. In questo modo il partner può capire il motivo di alcune esitazioni, anche di eventuali défaillance, e il desiderio di rispettare i propri tempi. In caso contrario, l'altro può mostrarsi maldestro/a in modo non intenzionale, e tu puoi finire per trattarlo/a bruscamente, con conseguenze negative sul rapporto sessuale.

Il corpo reagisce bene dopo un periodo "no sex"?

LubrificanteStressStressErezione

Risposte al femminile

Quando il passaggio all'atto sessuale si concretizza, sono tantissime le domande che si affollano nella mente di una donna. Sono abbastanza desiderabile? Il mio corpo risponderà agli stimoli? Il dubbio si accompagna con la ripresa dei rapporti sessuali dopo una lunga astinenza. "La presenza di questi pensieri è normale", dichiara l'esperta. "Tuttavia, meglio anticiparli e migliorare la propria autostima". 
La soluzione proposta dalla sessuologa: ricentrarsi su se stessa, diventare narcisista e ritrovare le proprie sensazioni fisiche. "Tutto ciò che ti permette di ristabilire il rapporto con il corpo sulle note del piacere faciliterà la ripresa dell'attività sessuale". Prenditi cura di te con hammam, massaggi, bagni, sport... Riconciliati con la tua immagine: una pettinatura, un abito, un abbigliamento intimo sexy... È il momento di coniugare di nuovo seduzione ed erotismo!

Risposte al maschile

Per un uomo, il rapporto con il sesso riguarda principalmente la prestazione… Dopo un lungo periodo di astinenza, la pressione è più forte. I rapporti sessuali sono vissuti alla stregua di un rito di passaggio e il tasso di adrenalina elevato a causa dello stress può provocare alcuni disturbi… 
La soluzione al problema consiste nel "lanciarsi" in condizioni estremamente favorevoli, ovvero con un partner da cui si è particolarmente attratti. "Evita gli incontri sessuali di una notte e via per mettere alla prova le tue capacità sessuali", consiglia il medico. Più legami riesci a intessere con la tua partner, più ti sentirai rassicurato e più sarai rilassato… In questo caso, l'altro diventa un alleato, dismettendo i panni del giudice.

Ripresa dei primi passi "sessuali"

La parola chiave: Prendila con calma. "Fai crescere il desiderio, lasciagli il tempo di affiorare, correndo anche il rischio di ritardare il passaggio all'atto sessuale e di avvertire un po' di frustrazione", consiglia la Dr.ssa Paris. In altre parole, cerca di flirtare un po' prima di lanciarti. Puoi avere la tentazione di buttartici a capofitto per aggirare l'ostacolo, ma è una cattiva idea. Non si tratta di gettarsi immediatamente sulle zone erogene. Al contrario, parla, seduci, gioca la carta della sensualità. Un tocco sensuale aiuta a evitare molte chiusure. Dopotutto, puoi vivere questo incontro come una nuova prima volta alla luce dell'esperienza che hai accumulato nel tempo.

Catherine Maillard

Commenta
03/01/2013

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ti tradisce?

Test coppia

Ti tradisce?