Home  
  
    La posizione dell'artigliere
Kamasutra
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

La posizione dell'artigliere

Ad alcuni uomini piace condursi come guerrieri dell'amore. Trasformando i giochi sessuali in uno scontro, essi sottomettono la donna a una ginnastica erotica esigente, godendo così di un sentimento di potenza che eccita la loro libido.

La posizione dell'artigliere
© Alejandro Rodriguez

La posizione dell'artigliere dà all'uomo la sensazione di manovrare la propria donna come si manovra un cannone, il che dovrebbe appagare i sostenitori dell'amore macho. Quanto alle donne, accettando di abbandonarsi alle fantasie dei loro amanti per diventare lo strumento del loro piacere, esse scopriranno un godimento diverso, quello prodotto dalla sottomissione sessuale, alla quale, forse, aspirano segretamente.

L'uomo mette la donna in posizione seduta, sul bordo del letto, di una sedia o di uno sgabello. Lui stesso si inginocchia su un cuscino, con il busto eretto, e la bocca all'altezza di quella della sua compagna, i due sessi pronti ad incontrarsi. Prende le gambe della sua amante, le divarica e le poggia sulle proprie spalle, come le due leve che servono a manovrare la bocca di fuoco del cannone su un affusto! Quando le gambe sono ben stabilizzate, mantiene la donna in questa posizione, mettendole un braccio dietro la testa, mentre lei abbraccia il busto del suo amante.

Impossibile dunque per la donna fare il minimo movimento, senza rischiare di cadere; lei è completamente assoggettata alla volontà dell'uomo, il quale accompagna il suo pene all'entrata della vagina, pronto a penetrarla; dimenandosi avanti e indietro e dall'alto in basso, strofina lil suo membro sulla vulva, eccitandosi e eccitando al tempo stesso la sua compagna; quando si sente pronto, dà una leggera spinta verso l'alto.

La penetrazione è subito profonda, perché il pene si trova sull'asse della vagina. L'uomo deve tuttavia essere prudente nei suoi movimenti per evitare che il rapporto sia doloroso. In questa situazione di totale controllo da parte dell'uomo, l'amante si immobilizza. Poi inizia il rapporto, lentamente; i suoi movimenti, sempre più energici, si fermano per brevi istanti, per non precipitare l'eiaculazione, poi riprendono lo slancio.

Il pene è a contatto con la parete frontale della vagina, una zona particolarmente sensibile perché molto innervata. Ma al piacere della donna si mescola il dolore dovuto agli allungamenti muscolari: quest'ambiguità nelle sensazioni è all'origine di una piacere sfrenato.

L'uomo può decidere di continuare il coito in un'altra posizione, meno difficile da mantenere per la sua partner: sostenendola per la schiena, la mette in posizione supina, con i piedi ai due lati della sua testa, con le natiche sollevate, in modo che la vagina sia largamente aperta; dritto su di lei, la domina ancora. Fin quando non potrà più trattenere l'eiaculazione, l'orgasmo dei due amanti, per la sua violenza, è degno dell'esplosione di una cannonata.

 

Anaïs Barthélémy

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ti tradisce?

Test coppia

Ti tradisce?