Home  
  
    La posizione della spaccata
Kamasutra
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

La posizione della spaccata

Quando la geometria si mescola all'amore, è certamente per apportare piacere e fantasia. Nella posizione della spaccata, gli angoli e le misure determinano l'intensità del coito. Divertitevi dunque, ginnasti innamorati, e fate l'amore secondo una coreografia eccitante che libererà la vostra immaginazione sessuale!

La posizione della spaccata
© Alejandro Rodriguez

La spaccata è la posizione che assume una ginnasta quando, con il busto verticale e con i glutei attaccati al suolo, le gambe formano un angolo di 180 gradi. In amore, la posizione della spaccata richiede agilità, ma non c'è bisogno di allenamento particolare. E se necessita un riscaldamento preliminare della donna, questo ha per scopo non di allentare i suoi legamenti, ma di prepararla al piacere del coito!

La donna sale in piedi su due sedie, mettendo un piede su ogni sedia. Naturalmente bisogna stare attenti a scegliere delle sedie stabili e solide che non rischino di rovesciarsi in pieno esercizio sessuale. La donna, rivolta verso gli schienali, appoggia le mani. Il suo amante, al quale gira la schiena, scosta lentamente le due sedie l'una dall'altra, in modo che le gambe della partner si aprano dolcemente e formino un angolo più ampio possibile: più grande è la spaccata, più accessibile è la vulva, sia per l'altezza rispetto a quella del pene, sia per la posizione e l'apertura. Aprendo il sesso in questa maniera, la donna offre un passaggio facile al pene del suo amante.

Inclinata in avanti per mantenere l'equilibrio, appoggiandosi allo schienale delle sedie, la donna presenta i glutei al partner, una visione eccitante che non mancherà di provocargli un'erezione, se ancora non l'avesse. In questa posizione la donna è passiva, e può solo modificare l'incurvatura per aiutare il partner a penetrarla meglio.

Sta all'uomo agire e inventare le ricette del piacere; può iniziare per esempio scivolando tra le sedie: in piedi, di fronte alla partner, la bacia, la copre di carezze dalle spalle fino all'ombelico.

Poi si accovaccia e mette la testa nella massa cupa della vulva. Sta a lui perdersi nel piacere della compagna, stimolando il clitoride, partendo dal basso e salendo con la lingua fino in cima. Può anche baciare il monte di Venere, leccarlo, passando la lingua sulle grandi labbra, prima di farla penetrare con dei movimenti dall'alto al basso e avanti e dietro nella vagina.

Di nuovo in piedi dietro la donna, l'uomo, con il pene in erezione, penetra facilmente la partner. Le mette un braccio intorno alla vita, stimolando allo stesso tempo il clitoride con l'altra mano. La donna dovrà probabilmente flettere le gambe e raddrizzare il sedere: dipende dall'altezza di ogni amante e dalle sensazioni ricercate.

Con la posizione della spaccata, la donna si abbandona alla volontà dell'amante, di cui subisce i capricci senza scambiare gli sguardi: alcune donne sono folli di questa sottomissione costretta, che le rende oggetto del desiderio maschile. In questa posizione l'uomo gode in modo particolare della trasformazione della donna in una statua vivente, che lui può modellare come vuole, e alla quale può dare ordini, come 'alza i glutei, curvati, piegati..', per rendere il tutto più piccante.

Eccitato per il fatto che può penetrarla stando in piedi, una posizione attraente ma non per forza facile da realizzare, l'uomo eiacula dopo un coito breve ma intenso.

 

Anaïs Barthélémy

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ti tradisce?

Test coppia

Ti tradisce?