Home  
  
  
    La prima visita ginecologica
Cerca

Alla scoperta del piacere
Kamasutra
  • Tutte le posizioni
Anticoncezionali e contraccezione
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

La prima visita ginecologica

Il ginecologo, specialista dei nostri piccoli e grandi mali femminili, è il punto di riferimento per la nostra salute. A quale età bisogna andarci per la prima volta? Come si svolge la visita? Ecco tutte le informazioni per non averne paura.

La prima visita ginecologica
© Getty Images

L’esame ginecologico fa parte della vita di tutte le donne, anche di quelle più giovani. Il medico che dovrà conoscere le parti più intime di te deve essere scelto con cura.

Un incontro per informarsi

Ginecologa – Prima visita "Molte mamme vorrebbero che le figlie andassero dal ginecologo a partire dalle prime mestruazioni; le giovani invece preferiscono aspettare i quindici o i sedici anni" spiega Marianne Buhler, ginecologa di Parigi. In realtà la visita ginecologica non è strettamente necessaria, tranne per il bisogno di prescrizione della pillola, ma permette agli adolescenti di informarsi attraverso un interlocutore più competente dei genitori.

Nonostante esistano molti libri in merito, fare domande direttamente a un medico è molto più rassicurante. Puoi esprimere l’inquietudine che deriva del sanguinamento abbondante delle mestruazioni o del mal di pancia e lui ti spiegherà quali sono le possibili soluzioni, come si svolge un rapporto sessuale, quali contraccettivi utilizzare o come evitare di contrarre le malattie sessualmente trasmesse (MST).

Un medico di fiducia

Per un'adolescente andare da un ginecologo non è facile. Si tratta generalmente della prima persona al di fuori della famiglia con la quale parlare della propria sessualità e che toccherà le sue parti intime. La maggior parte delle giovani preferisce, per comincaire, andare da un ginecologo donna, anche se un ginecologo uomo è altrettanto competente e delicato. Alcune vanno da sole alle consultazioni, altre sono accompagnate dalla madre o da un’amica. Tutte le vostre conversazioni sono confidenziali e questo fa parte del segreto professionale. Il medico risponde anche a domande che riguardano la contraccezione e l’uso di assorbenti interni.

Molte adolescenti per paura di fare una visita ginecologica preferiscono riunciarvi. Stai tranquilla: secondo Marianne Buhler la visita vera e propria non viene fatta a meno che la ragazza non soffra di una patologia particolare. In ogni caso l’esame ginecologico è una visita medica affatto aggressiva!

Molte adolescenti preferiscono andare dal ginecologo senza parlarne con la famiglia: in tal caso possono rivolgersi ai consultori per giovani, dove le consultazioni ginecologiche sono gratuite e anonime così come la prescrizione dei contraccettivi.

La visita ginecologica

La visita non è obbligatoria per la prescrizione della pillola e raramente la paziente viene visitata al primo appuntamento. Sta al medico quindi valutarne la necessità. La visita è indolore e l'imene non viene rotto, tuttavia le giovani si spaventano comunque. Tutto si svolge su un lettino con lo schienale rialzato per sostenere il busto e un poggia piedi per tenere le gambe divaricate e piegate. Se si è a disagio c’è il rischio di contrarre involontariamente i muscoli perineali. Cerca quindi di rilassarti e di respirare lentamente. Lo scopo è quello di verificare la buona costituzione della vulva, della vagina, del collo dell’utero e delle ovaie con l’aiuto di uno speculum* che viene introdotto nella vagina. il medico infila i guanti e l'esame avviene in questo modo: si toccano dolcemente gli organi genitali interni e può accadere che il medico effettui uno sfregamento, a condizione che l’adolescente abbia già avuto rapporti sessuali, attraverso un tampone che permette di prelevare delle cellule dal collo dell’utero, pratica assolutamente indolore. I prelievi verranno in seguito inviati a un laboratorio per le analisi. Anche palpare il seno fa parte della visita: questo permette di rilevare piccole cisti, che spesso sono motivo di preoccupazione tra le adolescenti.

La visita come prevenzione

Per prevenire qualsiasi malattia genitale, la donna dovrebbe andare dal proprio ginecologo almeno una volta all’anno. Per un'adolescente si tratta solamente di un incontro a titolo informativo. Il ginecologo cerca soprattutto di rassicurarla e di aiutarla a familiarizzare col proprio corpo. Le domande si basano su un questionario preciso: la data delle prime mestruazioni e la durata, il regime alimentare, le malattie infantili che permettono allo specialista di conoscere gli antecedenti della salute personale della paziente e della sua famiglia.
Ovviamente il medico non lo fa per soddisfare la sua curiosità ma per creare un archivio che possa essere utile in futuro. Attraverso questa consultazione le giovani imparanno a individuare le “perdite bianche” insolite, i sanguinamenti irregolari al di fuori del periodo mestruale, a riconoscere un ritardo delle mestruazioni e la sensibilità del seno all’inizio del ciclo. Niente panico, questi problemi non sono gravi ma se ne deve comunque parlarne col medico!

Marianne Chouchan

* Lo speculum è uno strumento usa e getta lungo e stretto, di metallo levigato o di plastica, che permette di esaminare la vagina e il collo dell’utero.

Commenta
04/08/2010

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ti tradisce?

Test coppia

Ti tradisce?