Home  
  
  
    La pillola: le domande frequenti
Cerca

Alla scoperta del piacere
Kamasutra
  • Tutte le posizioni
Anticoncezionali e contraccezione
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Pillola: le domande frequenti

La contraccezione ormonale è il metodo contraccettivo più utilizzato in Italia. Fin dalla comparsa della prima “pillola” estro-progestinica nel 1955, tante evoluzioni si sono succedute per arrivare fino alle ultime minipillole. Venti domande per sapere tutto sulle pastiglie che prendi tutti i giorni.

La pillola: le domande frequenti
© Getty Images

1 – Che cos’è la pillola?

È un prodotto che impedisce la gravidanza non desiderata, anche in caso di rapporti sessuali: è un contraccettivo. La sua azione è reversibile alla sospensione dell’assunzione. Il suo utilizzo è facile, efficace e senza pericolo per la donna se vengono rispettate le controindicazioni. È un’associazione di due ormoni molto simili agli ormoni naturali della donna: l'estrogeno e il progesterone.

2 – Che aspetto ha la pillola?

Si presenta in scatole di 21 o 22 compresse (blister). Si utilizza un blister per ciclo (e dunque uno al mese).

3 - Perché esistono tanti tipi di pillola?

Esistono diversi dosaggi e varie combinazioni di ormoni. Inoltre, la progestina utilizzata è più o meno “moderna”. Un ampio assortimento di pillole permette di adattare la prescrizione alle esigenze di ogni donna.

4 - Quali sono i diversi tipi di pillola?

Le pillole sequenziali: all’inizio, le compresse contengono solo estrogeno. Successivamente, viene aggiunto il progesterone durante la seconda parte del ciclo. Queste pillole imitano il ciclo naturale e sono prescritte solo in certi casi (ad esempio, dopo un raschiamento).

Le pillole combinate: l'estrogeno e il progesterone vengono associati subito. È l'estrogeno che fa la “forza” della pillola (50, 35, 30, 20 o 15 gamma di etinilestradiolo). Queste sono le pillole più utilizzate.

Le minipillole contenenti solo progestinico: queste pillole contengono solo progesterone e devono essere assunte di continuo. Vengono utilizzate dopo un parto dalle madri che allattano, ad esempio.

5 - La pillola è pericolosa?

No. Contrariamente a certe dicerie, la pillola non è pericolosa. Non rende sterili e non provoca tumori o malattie. Ricordiamo anche che i bambini nati da donne che hanno assunto la pillola per anni sono normali.

Milioni di donne utilizzano la pillola nel mondo ed è il metodo di contraccezione più usato in Italia.

6 – Si può fumare quando si prende la pillola?

L'abbinamento tabacco/pillola è molto nocivo, in quanto fa aumentare di molto il rischio cardiovascolare (infarto miocardico, trombosi). Praticamente tutti gli incidenti gravi sono legati ad una forma di tabagismo, anche se in forma lieve.

Occorre ridurre il più possibile il consumo di tabacco e smettere se possibile. Se sei una forte fumatrice, il medico non ti prescriverà la pillola.

7- La pillola fa ingrassare?

La pillola non fa sempre ingrassare. Ci sono donne che dimagriscono con la pillola, ma è piuttosto l’aumento di peso che provoca fastidi nelle utilizzatrici. Quanto ai chili “presi”, quando sono associati alla pillola, generalmente non superano il chilogrammo.

La pillola stimola l’appetito e può portare a mangiare di più. È necessario allora controllare la propria alimentazione e non lasciarsi andare agli eccessi alimentari sconsiderati. Non c’è aumento di peso senza eccessiva alimentazione.

Le donne che hanno la tendenza a ingrassare dovranno stare doppiamente attente.

8 - La pillola: come funziona?

La pillola agisce sui 3 “punti chiave” della contraccezione.

  • Blocca l'ovulazione: le ovarie sono “messe a riposo” e non si verifica l’ovulazione;
  • Impedisce l’attecchimento: l'endometrio è più sottile e inadatto ad accogliere un eventuale embrione;
  • Rende la mucosa cervicale ostile agli spermatozoi: la mucosa del collo dell’utero è inspessita e impedisce il passaggio agli spermatozoi.

9- La pillola è davvero efficace?

Nessun metodo di contraccezione è sicuro al 100% ma la pillola è il mezzo più affidabile se presa correttamente. La stragrande maggioranza dei fallimenti è da attribuire ad un utilizzo sbagliato.

10 - L'azione della pillola è perfettamente reversibile?

Si prende la pillola quando si ha bisogno di una contraccezione a lunga durata (almeno qualche mese). L'effetto è reversibile. Basta smettere di prendere la compressa per ritrovare la propria fertilità precedente. Il 90% delle donne che smettono di prendere la pillola per avere un bambino restano incinte entro l'anno.

11 - Chi prescrive la pillola?

Tutti i medici possono prescrivere la pillola, ma questo ruolo spetta maggiormente ai medici generici e ai ginecologi. Si può consultare un medico in ospedale, in ambulatorio o in un consultorio (pillola e visita gratuite).

12 - Come si passa la visita per la prescrizione della pillola?

Il medico verificherà prima con un questionario che tu non abbia controindicazioni all’assunzione della pillola.

Ti saranno rilevati il peso e la pressione arteriosa. Sarai sottoposta ad un breve esame medico generale, un esame ginecologo completo con striscio cervicale e un esame del seno. L’esame ginecologico non è del tutto sistematico nelle giovanissime.

Il medico ti prescriverà una serie di esami con dosaggio della glicemia, del colesterolo e dei trigliceridi.

13 - Quale è il monitoraggio di una donna che assume la pillola?

Devi vedere il tuo medico una o due volte all’anno per un esame clinico generale (peso, pressione, stato generale) e ginecologo (striscio di controllo, seni). Un prelievo di sangue ogni due anni circa permetterà al tuo medico di effettuare accertamenti diagnostici di laboratorio. Il medico verificherà la tua idoneità alla pillola.

14 - Come si prende la pillola per la prima volta?

Devi prendere la prima compressa il primo giorno di mestruazioni, seguita da un compressa al giorno fino alla fine del blister (21 giorni). Se inizi a prendere la compressa al mattino, devi continuare a prenderla al mattino (idem se preferisci alla sera) più o meno alla stessa ora della giornata. L’importante è prendere la pillola nel momento in cui ci pensi. La pillola è efficace dal primo giorno, se la prendi correttamente.

Una volta terminato il blister, devi sospendere per 7 giorni. È in questo periodo che arriveranno le mestruazioni.

15 - Come si prende la pillola in seguito?

Inizierai il secondo blister all’ottavo giorno d'interruzione anche se le mestruazioni non sono terminate. Riprenderai quindi 1 compressa al giorno per 21 giorni per smettere poi ancora per 7 giorni. Cominci il terzo blister all’ottavo giorno e così di seguito.

È inutile fare dei periodi d'interruzione “per fare una pausa o far riposare le ovaie”. Queste idee sono assolutamente infondate ed anche il modo sicuro per restare incinta.

16 - Che fare se dimentichi la pillola?

Se ti dimentichi di prendere una compressa, devi prenderla nel momento in cui te ne accorgi e prendere la compressa del giorno, normalmente. Ad esempio, mi accorgo alle 8 del mattino di aver dimenticato di prendere la compressa delle 20 della sera prima. Allora la prendo alle 8 e poi prendo la mia compressa normale alle 20. Il periodo massimo di sicurezza è 12 ore per la maggior parte delle pillole. Attenzione! Per le pillole microdosate, questo periodo è solo di 3 ore! Oltre questo periodo, devi considerare di non essere più protetta e quindi utilizzare un altro metodo di contraccezione fino alle prossime mestruazioni.

Se ti dimentichi di prendere due compresse di seguito, devi continuare il blister fino alla fine e utilizzare un altro metodo di contraccezione fino all'arrivo delle mestruazioni. Se hai un rapporto nei due giorni di dimenticanza, puoi utilizzare la pillola del giorno dopo.

Attenzione: nel caso di pillole di nuova generazione, consulta sempre il foglietto illustrativo.

17- Che fare in caso di sanguinamento fuori dal periodo d'interruzione?

Se inizi a sanguinare durante i primi mesi di utilizzo in quantità lieve, occorre pazientare un po’ perché l'utero s'abitui agli ormoni. Non interrompere l’assunzione della pillola. Se i sanguinamenti persistono, consulta il medico per cambiare pillola.

Se il sanguinamento compare dopo molti mesi o anni d'utilizzo, è preferibile consultare il medico, perché può trattarsi di un effetto collaterale del progesterone.

18 - La pillola riduce i dolori delle mestruazioni?

Sì, poiché con la pillola la quantità di sangue mestruale è meno abbondante, cosa che in proporzione riduce i dolori delle mestruazioni. Inoltre, la pillola permette di avere un ciclo regolare e di prevedere il periodo delle mestruazioni. La pillola non modifica le dimensioni del seno.

19 – Ci sono farmaci che non vanno assunti con la pillola?

Sì, certi farmaci riducono l'effetto contraccettivo della pillola:

  • Gli antitubercolotici;
  • I barbiturici;
  • Gli antistaminici.

Non esitare a parlarne con il tuo medico.

20 - La pillola dopo un parto?

Se non allatti, puoi iniziare la pillola alla sospensione del trattamento che interrompe la secrezione del latte (ovvero 3 settimane dopo il parto) senza aspettare la ripresa del ciclo.

Se allatti, puoi utilizzare microprogestinici tre settimane dopo il parto, da prendere di continuo senza interruzioni. Non puoi prendere una pillola classica perché gli estro-progestinici passano nel latte materno.

Dott. Joël Agénor

Commenta
16/08/2012

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ti tradisce?

Test coppia

Ti tradisce?