Home  
  
  
    Il piacere senza orgasmo
Cerca

Alla scoperta del piacere
Kamasutra
  • Tutte le posizioni
L'orgasmo
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Il piacere senza orgasmo

Il mito dell’orgasmo è duro a morire: intenso o sincronizzato, resta la prova di un rapporto riuscito. Ma è possibile godere senza per forza raggiungere l’orgasmo? Come fare per andare a tempo in questa danza a due verso il settimo cielo? Uomini e donne reagiscono nello stesso modo? Doctissimo ti invita a un viaggio…tra le lenzuola.

Il piacere senza orgasmo
© Getty Images

"Tra di noi è sempre la stessa storia: io ho un orgasmo, lui anche, e tutto si ferma lì" rivela Suzanne, trent'anni. Spesso all'interno della coppia la sessualità viene identificata con l'orgasmo, come unico fine del rapporto sessuale. "Ciò vale più per gli uomini che per le donne", precisa il sessuologo Philippe Brenot, per il quale le donne sarebbero più dotate per il piacere dei sensi e quindi per il godimento. Che differenza c'è quindi tra godimento e orgasmo?

Orgasmo: questione di meccanica o di piacere?

Il cinema, la letteratura, la pubblicità ci vendono una visione del sesso senza tabù, dove gli orgasmi sono sempre più intensi: questa manifestazione del massimo piacere sarebbe quindi la sola garanzia di qualità del rapporto? Per la maggior parte degli uomini, in effetti, è essenziale. Come testimonia il rapporto Spira sulla sessualità dei francesi, gli uomini sono più volti a un completamento dell'atto sessuale attraverso l'orgasmo. "Le ghiandole del piacere, i effetti, sono concentrate a livello del pene e l'eiaculazione rappresenta il picco del piacere maschile: senza questa fase, l'uomo si sente frustrato", spiega il Dottor Philippe Brenot. È così: la maggioranza degli uomini è più concentrata sull’aspetto motorio, attivo, e vive ancora la sessualità in maniera convenzionale e meccanica, anche se esistono rare eccezioni; per l’altra metà del cielo è tutto diverso, e ogni donna è un mondo a sé.

Il comportamento sessuale femminile è sotto il segno della voluttà: può godere senza orgasmo e dispone di una gamma infinita di piaceri. Il rapporto Spira evidenzia infatti che solo il 35% delle donne dichiara di avere un orgasmo durante il rapporto. La sua sessualità è più complessa e naturalmente volta al godimento, coinvolge i sensi, l'immaginazione, l'erotismo. Il suo godimento, in tutta la sua ricchezza, si differenzia dal piacere genitale, e spesso è indice di maturità sessuale.

Il piacere non è una prestazione (o una corsa)

Molte coppie, tuttavia, vivono al ritmo dell'eiaculazione maschile, sinonimo di piacere per l'uomo ma anche di interruzione del rapporto. Le cose, ovviamente, stanno cambiando, e l'educazione alla ricchezza sensoriale è sempre più importante, ed è certo che nell'universo dei 5 sensi la donna ha un ruolo tutt’altro che secondario nella scoperta e nell’apprendimento di un nuovo modo di fare l’amore, non come se fosse una corsa dei 100 metri, in cui conta lo sforzo fisico, ma mettendo in primo piano l'ascolto ed entrando in relazione con tutto il corpo.

Tanto più che questa corsa all'orgasmo è pericolosa, avvertono i sessuologi: da un lato, a forza di fare dell'orgasmo una finalità obbligatoria si rischia di non vivere pienamente il piacere; dall'altro, quest'ossessione può essere associata al mito dell'orgasmo simultaneo, più radicato di quanto sembri.

In questo modo, però, si rischia di mettere in primo piano l’ossessione del controllo e di allontanare la persona dalle proprie sensazioni corporee ed emotive: checché se ne dica, questo tipo di orgasmo è raro e non deve in nessun caso diventare un obiettivo.

Catherine Maillard

Commenta
24/06/2013

Per saperne di più:


Newsletter

Forum Sesso

Test consigliato

Ti tradisce?

Test coppia

Ti tradisce?