Home  
  
  
    Il sesso nel tempo
Cerca

Alla scoperta del piacere
Kamasutra
  • Tutte le posizioni
Alla scoperta del piacere
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Il sesso nel tempo

L'evoluzione della sessualità nella coppia è spesso oggetto dei più disparati interrogativi, declinati in funzione dei nostri pregiudizi, delle fobie e delle nostre fantasie… Michel Bozon, ricercatore in scienze sociali, delinea i contorni di una sessualità coniugale, spesso inediti.

Il sesso nel tempo
© Getty Images

Una delle prime caratteristiche della coppia è, senza sorpresa, il rallentamento dell'attività sessuale con il passare del tempo. Tuttavia, al contrario di quanto si possa pensare, questa tendenza non è né costante, né regolare. I dati mostrano infatti che esiste un'attività sessuale intensa in media i primi due anni (13 rapporti sessuali al mese), per poi passare a una stabilizzazione intorno a 9 rapporti mensili a partire da 5 anni di anzianità della coppia. Inoltre, non esiste alcuna tendenza dimostrata alla scomparsa della sessualità, tranne che in caso di rottura della relazione sentimentale.

Più piacere con il passare dell'età (della coppia)…

Se l'eiaculazione precoce colpisce circa un uomo su due all'inizio di una relazione, solo uno su quattro ne è ancora l'oggetto dopo 5 anni di convivenza. Lo stesso dicasi per l'orgasmo femminile, che le donne raggiungono più facilmente dopo 5 anni di intimità con il partner. E se con il tempo ricompaiono alcuni disfunzionamenti, sono meno frequenti che nei due anni di "luna di miele". Gli uomini come le donne si avvicinano alla sessualità con un piacere più intenso con il passare del tempo.

…ma più frustrazione

Ma non per questo vengono meno le frustrazioni. La coppia, infatti, non nutre le stesse aspettative dalla vita a due: la donna punta maggiormente sulla vita coniugale, mentre l'uomo sull'appoggio che può derivargli dalla coppia. Poco alla volta la sessualità perde il suo ruolo di comune denominatore. E a questo punto i paradossi si moltiplicano.

Il messaggio amoroso, utilizzato più frequentemente dalle donne, sarebbe meno il riflesso di un sentimento amoroso che di un desiderio di comunicazione. Al contrario, gli uomini dopo qualche anno si rivelano più innamorati della loro compagna che il contrario, anche se si lasciano coinvolgere decisamente meno dalla vita coniugale.

Infine, se con l'arrivo dei figli la sessualità precipita, gli uomini continuano a sovrastimarla per diversi anni, perché si ostinano a vederci un semplice passaggio. Da quel momento viene a instaurarsi un "contratto contraddittorio", un "equilibrio instabile tra coniugi". "Tacito, lo scambio intimo tra i partner non è pagato con la stessa moneta", conclude Michel Bozon.

…e meno desiderio

Come è stato dimostrato a più riprese, infatti più aumenta il legame sentimentale, più il desiderio sessuale diminuisce (Cyrulnik, 1989).

Particolarmente fragile è il desiderio femminile. È forse il segno di una supremazia maschile ancora imperante nella coppia? È interessante vedere a che punto il desiderio femminile aumenta e diventa "uguale" a quello dell'uomo, quando nella coppia esiste una parità per quanto riguarda l'espletamento dei doveri coniugali e non una divisione dei ruoli…

Anne Souyris

Commenta
17/04/2012

Per saperne di più:


Newsletter

Forum Sesso

Test consigliato

Ti tradisce?

Test coppia

Ti tradisce?