Home  
  
  
    La dipendenza sessuale femminile
Cerca

Alla scoperta del piacere
Kamasutra
  • Tutte le posizioni
Alla scoperta del piacere
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

La dipendenza sessuale femminile

Secondo i sessuologhi, la dipendenza sessuale femminile rimane ancora un tabù! Tra sessualità selvaggia e reale dipendenza, la sfumatura è minima, ma c’è. Doctissimo fa il punto su una situazione ancora poco conosciuta.

La dipendenza sessuale femminile
© Getty Images

“Quando non ho la mia “dose di sesso, mi sento depressa” ammette Stefania, 32 anni, single...Dipendente dal sesso o nuova amazzone dei tempi moderni? In un’epoca in cui chat, siti d’incontri e vendita di sex-toys on-line scombussolano le nostre abitudini sessuali, è difficile talvolta vedere le cose nella giusta prospettiva. Inoltre la dipendenza sessuale al femminile resta un tema tabù. Tuttavia, è possibile vederci chiaro. E, nel caso, trovare una soluzione...

I segni della dipendenza sessuale femminile

“La dipendenza sessuale si accompagna sempre all’insoddisfazione, al sentore che non si ottiene mai ciò che si vuole” afferma Catherine Blanc, psicanalista e sessoterapeuta1. Il sesso diventa allora una necessità, senza si rischia di perdere l’equilibrio. L’astinenza è dura, e finisce per diventare un malessere fisico e psichico. “Questa dipendenza si vive in modo compulsivo. La sessualità è eccessiva, la maggiorparte del tempo svincolata da un legame affettivo, quando il piacere è l’unico obiettivo, possono esserci delle conseguenza, spesso negative” precisa Michel Reynaud, psichiatra e specialista nell’ambito delle dipendenze2.

Se gli effetti sulla coppia sono evidenti, spesso le conseguenze si fanno sentire anche nell’ambito della salute e in quello professionale. “Mi capita di passare la serata in un locale per scambisti, nell’infrasettimanale. Il giorno dopo, al lavoro, non sono molto in forma!” confida Cecilia, 33 anni. Altre ancora rifiutano l’utilizzo del preservativo, sacrificando il sesso sicuro in nome di un piacere totale.

Il narcisismo e le difficoltà relazionali

Oggi il piacere femminile è di moda, inevitabile, e perfino raccomandato. Tutto è permesso, pur di godere! “Questo spiega perchè così poche donne si consultino su questo tema” afferma Catherine Blanc. Di fatto, il tema rimane tabù nel popolo femminile, mentre è più facilmente evocato e identificato tra gli uomini.

Tuttavia, dovremmo trovare il coraggio di porci alcune domande. Per Catherine Blanc, “un’eccessiva pulsione sessuale deriva da un problema d’identità. La personalità narcisistica è debole, alla continua ricerca di qualcosa che solo l’uomo sa darle”. In realtà più che la ricerca dell’orgasmo e del piacere, è la seduzione ad attrarla, o meglio, la sensazione di essere desiderabile che prevale. Per il professor Reynaud, “l’ipersensualità, nella donna è spesso un sintomo di difficoltà relazionali”. Libertà sessuale o meno, il desiderio al femminile è più legato all’affetto. Mentre nell’uomo questo sdoppiamento della pulsione e del sentimento amoroso è più superficiale... Questo spiegherebbe anche il perchè le donne professionalmente molto attive sono più colpite da questo problema. La maggiorparte del tempo, l’iperattività sessuale è sia un rapporto di piacere complesso sia una difficoltà di godere, il che spiegherebbe anche questa ricerca frenetica, e senza fine...

Dipendenza sessuale: uscirne è possibile!

Ancora una volta, la morale non ha nulla a che vedere con questo. I sessuologhi sono d’accordo su questo punto: il sesso vissuto bene, che sia selvaggio o meno, semplice o con sextoys vari, è capace di distendere, rassicurare...Può farci rinascere. In caso contrario, ci chiediamo a quale pulsione il sesso cerchi di rispondere. “La dipendenza sessuale può verificarsi dopo i 40 anni o dopo un divorzio” spiega Brigitte Martel, sessoterapeuta3. Il bisogno di sentire il desiderio maschile e di rassicurarsi prende il sopravvento su tutto il resto. Spesso è un modo per “ritrovarsi” narcisisticamente. Il sesso senza amore ha quindi questo ruolo. Superare questo problema, andare oltre la dipendenza è possibile con un’elaborazione del lutto. Affrontare le proprie paure, quella di invecchiare o di attraversare un momento di solitudine può sortire degli effetti positivi. Prenderne coscienza è già un primo passo verso la guarigione.

Nelle donne più giovani, la dipendenza può manifestarsi con l’utilizzo di sex toys, e di partner occasionali. “L’uomo è allora trattato come un oggetto e ci sono alte probabilità che la frustrazione sia spesso dietro l’angolo” precisa Brigitte Martel. La dipendenza sessuale è spesso accompagnata da un’aggressività gestita nel modo sbagliato (parolaccie, all’occorrenza), un’autolesionismo fine a se stesso. Mettere fine ad una dipendenza non è mai facile. È necessaria una terapia. “Occorre identificare il reale destinatario della propria aggressività, per potersene liberare” aggiunge la sessoterapeuta. Accedere ad una sana rabbia, vero strumento di piacere, per ricreare con il proprio partner una dimensione di gioco, dove si possano esprimere i desideri profondi di ciascuno.

Catherine Maillard

1_ Catherine Blanc. «La sexualité des femmes n'est pas celle des magazines». (“La sessualità delle donne non è quella che leggi sui giornali”) (N.d.T). Ed La Martinière.

2_ Michel Reynaud. “L'amour est une drogue douce en général “(“L’amore è una droga leggera in generale”). Ed Robert Laffont.

3_ Brigitte Martel. “Sexualité, amour et gestalt“. («Sessualità, amore e Gestalt»). Ed Interéditions

Commenta
11/06/2012

Per saperne di più:


Newsletter

Forum Sesso

Test consigliato

Ti tradisce?

Test coppia

Ti tradisce?