Home  
  
  
    Il tantra
Cerca

Alla scoperta del piacere
Kamasutra
  • Tutte le posizioni
Alla scoperta del piacere
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Tantra: la via della sessualità sacra

Sesso… Si parla solo di questo! In nome della liberazione sessuale, è permesso ogni colpo. Talvolta tra dissolutezza e dipendenza. In che modo uscire allora da una sessualità troppo spesso priva di senso? Risposte illuminate di Osho, uno dei mistici contemporanei più provocatori del XX secolo.

Il tantra
© Getty Images

“Il tantra non è la via per la lussuria. È l’unica via per uscire dalla sfrenatezza. L’unica strada per uscire da una sessualità priva di senso”, afferma Osho, uno dei mistici contemporanei più provocatori del XX secolo. La sua visione della sessualità è unica e accessibile al tempo stesso. Secondo lui, anche se ci vantiamo di una sessualità liberata, in realtà questa si nutre di sogni di lussuria. Di chi è la colpa? Della repressione. Moralisti di ogni genere non hanno fatto altro che imprigionarla, così come è successo per la religione. Risultato: il sesso oggi si declina in forme grezze che soffrono ancora di una profonda incomprensione!

Tantra, via di comprensione reciproca

La sessualità ha un ruolo centrale nella nostra vita, è una realtà biologica, e anche di più: è esistenziale! Sulla sessualità è concentrata un’eccezionale energia che, al di là del piacere, può dare la vita e aprire altre porte ancora. Questa energia può essere liberata, non dalla repressione o dalla dissolutezza, ma dalla comprensione. “Una volta liberata l’energia, dal fango emerge allora il loto”, insiste Osho. E con lui la trascendenza!

Secondo il famoso mistico, la via della comprensione è l’unica strada: “Per il tantra, tutto ciò che esiste deve essere compreso e, attraverso la comprensione, la trasformazione viene da sé”. È importante precisare che il tantra non è una via di dissolutezza. È l’unica via di libertà. Dal punto di vista mistico, la dissolutezza è funesta, al pari dell’astinenza. Sono due estremi. L’unica via per una sessualità sacra sarebbe, anche in questo caso, quella che sta nel mezzo. “Resta al centro: né represso, né dissoluto. Stai nel mezzo, vigile, pronto e consapevole”, esorta Osho. Come per accedere alla pace interiore, per esempio, o all’armonia.

Lascia l’ego fuori dagli incontri a due

Come tornare allora a stare al centro, né dissoluti, né repressi? Osho spazza via gli ostacoli che possono presentarsi sul nostro cammino, a cominciare da un conflitto maggiore, quello che oppone la sessualità all’ego. Piccola raccomandazione del maestro per illuminare la nostra lanterna: “La sessualità è un’attività animalesca. Poco importa quello che fai o crei attorno a essa, resta fondamentalmente qualcosa di “selvaggio”.

Ora, non è sempre facile viverne questa dimensione. In effetti sono in tanti a non apprezzare la sessualità, perché il loro ego non glielo permette. Quando ci si avventura nei meandri della sessualità, l’ego si perde, e man mano ci si avvicina all’istante in cui sparirà del tutto… Allora può sorgere la paura, quella di perdere il controllo. Così la gente fa finta di fare l’amore e resta in superficie. Si accontenta di una messa in scena superficiale, perché, se facesse davvero l’amore, sarebbe la fine del loro ego! La via d’accesso all’animalesco richiede nettamente di “mollare l’ego e il controllo”.

Un cambiamento energetico, grazie al tantra

La via della sessualità sacra passa dalla consapevolezza! Quando fai l’amore, resta “vigile”. Non importa quello che succede, guarda oltre, non perderti niente, le sensazioni, le tue e quelle del partner… E osserva! La chiave è non intervenire. Non preoccuparti di quello che succede nel tuo corpo, nella tua testa, nella tua energia interiore… Un nuovo circuito viene a crearsi, l’elettricità del tuo corpo si sposta verso una nuova direzione, circolare questa volta. Si crea un cerchio interno che puoi percepire… Se sei vigile, sentirai di essere diventato il veicolo di un’energia vitale che circola in te. Se resti in ascolto, noterai cambiamenti energetici nel tuo corpo, avrai meno pensieri in testa, e il tuo cuore si aprirà. Allora tu e il partner sarete una cosa sola, e succederà qualcosa che va al di là di voi. Quando avviene ciò, allora l’energia sessuale diventa energia di meditazione.

Sessualità sacra, esperienza trascendentale

Per una sessualità sacra, ricorda che questa implica due elementi. La capacità di abbandonarsi al piacere e di lasciare spazio al proprio lato animalesco, che può allora emergere in tutta la bellezza della sua presenza. Ma questo non basta… occorre andare oltre, osservare e restare consapevoli. Solo allora trasformerai questa energia e accederai al sacro, alla trascendenza.

Il sesso è una delle attività date dalla natura che si cerca di sottomettere alle leggi del mercato e della nostra società consumistica. In realtà questa richiede solo qualità di presenza rispetto a ciò che accade. Il sesso, come la vita, è un mistero da decifrare. Si tratta di un’energia così importante che da lì nasce la vita. Nessuna ricetta o rivelazione sulla trascendenza. Osho invita al viaggio, verso una comprensione che dobbiamo semplicemente sperimentare.

Catherine Maillard

Commenta
01/08/2013

Per saperne di più:


Newsletter

Forum Sesso

Test consigliato

Ti tradisce?

Test coppia

Ti tradisce?