Home  
  
  
    La donna dominatrice
Cerca

Alla scoperta del piacere
Kamasutra
  • Tutte le posizioni
Sogni erotici e fantasie sessuali
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Identikit della donna dominatrice

Dominare sessualmente! Fino a poco tempo fa questa posizione era riservata agli uomini. Ma oggi ci si mettono anche le donne, appropriandosi di giochi, fantasie e qualche volta anche perversioni. Sono forse diventate vere esperte nel gioco della dominazione? Risposte dello psicanalista Gérard Bonnet.

La donna dominatrice
© Getty Images

Immancabilmente, quando nasce la fantasia di dominazione, si pensa prima di tutto agli uomini. Ma, a quanto pare, la tendenza si sta invertendo e il dominio sessuale non è più appannaggio del maschio. La libido femminile esce dai sentieri battuti e impone anch’essa il suo potere. Nuova modalità sessuale, fantasia o patologia: decodifica del desiderio di dominazione al femminile.

La posizione dominante femminile

Prendere in mano le redini del loro appagamento sessuale non è più un fatto eccezionale per le donne d’oggi, cresciute in una concezione più libera della sessualità. “Esse hanno una sorta di convinzione interiore riguardo alla loro autonomia!”, spiega lo psicanalista Gérard Bonnet. Modernità e girl power obligent, alcune donne non si comportano più come gentili oche bianche e rivendicano in modo forte e chiaro fantasie sessuali ben corroborate, così come richiede la loro epoca.

Ma quando inizia “la dominazione”? “Dominare va di pari passo con la nozione di posizione attiva”, risponde il nostro esperto. Una posizione che può affermarsi sin dal primo contatto. Individuano il loro bersaglio e partono alla conquista in vista di una relazione sessuale. Anche durante il rapporto sessuale la loro posizione resta estremamente attiva, sono spesso sopra, per esempio. Altra particolarità: tutto avviene secondo un copione loro. “È lei a condurre il gioco senza concertazioni, né intesa maschile. È il suo desiderio a primeggiare!”, precisa lo psicanalista.

La donna dominatrice preoccupa gli uomini

Anche se lanciate sulla via della liberazione da certi schemi, le donne dominanti sono tuttavia ancora esposte a diktat ben fissati nelle nostre memorie. “Checché se ne dica, il contesto rimane piuttosto maschilista, azzardare l’iniziativa al femminile continua a significare assumersi un rischio”, sostiene Gérard Bonnet. Se una donna è intraprendente, percepita come dominante, gli uomini non sono necessariamente a proprio agio. “Se è lei ad abbordarmi, mi fa paura. Ha qualcosa d’inquietante”, confessa Fabio, 35 anni. “Sortisce l’effetto inverso sulla mia libido”, osserva Michele, 40 anni.

Spiegazioni: “Inevitabilmente questo comportamento può evocare in loro la Madre Onnipotente e invadente”, analizza Gérard Bonnet. Un atteggiamento, anch’esso con connotazione fallica, che può minare la loro virilità. Alcuni possono esserne stimolati, naturalmente, ma si tratta di una minoranza. Altri ancora realizzano la loro fantasia di sottomissione con queste donne dominanti. In quel caso, ognuno occupa il suo posto.

La dominazione: una perversione

“Riesco a provare piacere solo in modalità dominazione”, confida Clara, 37 anni, sul divano dello psicologo. La sua sessualità si gioca su una modalità esclusivamente fallica e attiva. “È in un contesto narcisistico in cui il partner non ha posto”, analizza Gérard Bonnet. Come lei, anche altre donne provano piacere solo in questa posizione estremamente egoistica. Condurre il gioco in questo modo rinvia loro un’immagine di “grandezza” da cui traggono piacere. Avendo così una posizione sociale elevata, la loro immagine è estremamente valorizzata a spese dell’altro. “In realtà, hanno una tale paura di non essere all’altezza, che sono obbligate a controllare e dominare”, aggiunge il nostro esperto. Il problema? Per loro è difficile investire davvero in una rapporto in cui l’altro non sia solo un personaggio di secondo piano.

Dalla fantasia alla pratica: un contratto

Nell’ambito della fantasia sessuale, l’uomo può essere sottomesso alla sua amante. Farsi frustare, farsi camminare sopra con tacchi a spillo, con mise in cuoio o in lattice, sono tutte fantasie erotiche. Si può arrivare fino alla lacerazione, ai morsi, alle umiliazioni... Esiste una differenza fondamentale tra la fantasia, che è un fattore di erotizzazione e godimento, e il passaggio all’atto pratico. In questo caso specifico, è necessario un contratto preliminare, sui limiti da fissare e da non oltrepassare.

Catherine Maillard

Commenta
20/01/2015

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ti tradisce?

Test coppia

Ti tradisce?