Home  
  
  
    L'erezione del clitoride
Cerca

Alla scoperta del piacere
Kamasutra
  • Tutte le posizioni
Le zone erogene
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

L'erezione femminile o erezione del clitoride

L'erezione è appannaggio esclusivo degli uomini? Non proprio: il clitoride, porta di accesso al piacere femminile, si "erge" (è il caso di dire) contro questo luogo comune. Il Dr. Sylvain Mimoun, ginecologo-andrologo-psicomatologo, ci svelerà di più su questo piccolo organo che non finisce mai di stupirci. Scopriamo insieme a lui questo fenomeno ancora sconosciuto, le cause e le differenze rispetto all'erezione maschile.

L'erezione del clitoride
© Getty Images

Organo che presiede al piacere femminile, il clitoride suscita grandi turbamenti: situato all'ingresso della vagina tra le piccole labbra, quando viene eccitato, il clitoride può arrivare a rizzarsi come un pene. In effetti, se si esplora questo rigonfiamento a forma di bottone, si percepisce al tatto una pallina che, se stimolata, può gonfiarsi e addirittura indurirsi. Si può quindi dire che anche le donne abbiano delle erezioni… del clitoride!

Erezione del clitoride: un fenomeno sconosciuto

Per comprendere meglio il fenomeno sono necessarie alcune nozioni di base di anatomia. Analogamente al pene, anche il clitoride è formato da un glande, che gli conferisce il delizioso appellativo di "bocciolo di rosa", situato alle estremità delle piccole labbra. Presenta una grande varietà di corpuscoli di Krause, veri e propri ricettacoli delle sensazioni di piacere, addirittura fino a 2 - 3 volte di più rispetto al glande del genitale maschile.

Ovviamente, le dimensioni del clitoride variano da una donna all'altra. È formato anche da uno "stelo", una sorta di piccolo cilindro sito nel prolungamento del glande, che risale sull'osso pubico e si divide in due radici laterali ai lati della vagina. Come il glande, anche lo stelo e l'ingresso della vagina sono estremamente eccitabili. 

Come avviene l'erezione del clitoride?

"Il meccanismo è analogo a quello dell'uomo. La differenza risiede essenzialmente nella visibilità di questo fenomeno nell'uomo", dichiara il Dr. Sylvain Mimoun. Formato da un corpo cavernoso, questo grazioso bocciolo si riempie di sangue non appena viene stimolato. Aumenta di dimensione, si gonfia e diventa turgido, come un pene in miniatura. In qualche modo va in erezione.

Anche le pareti della vagina si gonfiano: contengono dei corpi erettili che ricevono questa informazione dalle radici del clitoride. L'altra differenza con l'uomo riguarda la rigidità. "Se per i signori è auspicabile, per non dire indispensabile, che la turgescenza evolva fino a trasformarsi in rigidità, non accade la stessa cosa per le signore", aggiunge l'esperto. Per le donne è del tutto inutile raggiungere questa soglia di rigidità. L'indice di piacere, infatti, non dipende dalle dimensioni di questo "bocciolo".

Le condizioni necessarie per provocare l'erezione del clitoride sono svariate: possono andare dalla rievocazione di una fantasia sessuale a tutte le stimolazioni dirette, sotto forma di carezze praticate con le mani, con la bocca, o le stimolazioni provocate dall'utilizzo dei sex-toy

Una porta di accesso all'orgasmo multiplo

Se per l'uomo l'eiaculazione è un traguardo che va di pari passo con l'erezione, per le donne la situazione è completamente diversa. "Tranne che per le donne fontana, che rappresentano al tempo stesso un'eccezione alla regola e un mistero", dichiara l'esperto. Più che l'eiaculazione, è soprattutto la ricerca dell'orgasmo che conta. "Durante le visite, sono molte le donne a lamentarsi di non provarne uno", rivela il medico.

Quindi, è proprio dietro l'erezione del clitoride che si cela la chiave di accesso al piacere. Indurre l'erezione attraverso la masturbazione per raggiungere l'orgasmo può consentire alla donna di controllare meglio questa stimolazione durante la penetrazione. Non dimentichiamo che se l'eiaculazione non è la panacea del sesso femminile, le signore beneficiano d'altronde del suo corollario, ovvero della possibilità di provare orgasmi multipli. Infatti, a differenza dei signori, che necessitano di un tempo di recupero tra due rapporti sessuali, le signore possono moltiplicare il numero di erezioni e farsi "stimolare" a loro piacimento. Il clitoride non finisce davvero mai di stupirci!

Catherine Maillard

Commenta
08/01/2014

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ti tradisce?

Test coppia

Ti tradisce?